STORIA DELLA AUDI La storia dalle origini ai giorni nostri della casa automobilistica STORIA DELLA AUDI.

http://www.pianetauto.com Homepage Condizioni Generali Privacy Contatti
AUTO USATE AUTO NUOVE KM ZERO AZIENDALI VEICOLI COMMERCIALI ESTERE D'EPOCA CONCESSIONARI
login
 
EMAIL
PASSWORD
                     send
Registrati ora
Password dimenticata?
RICERCA AUTO PUGLIA
RICERCA MOTO PUGLIA
INSERISCI IL TUO ANNUNCIO
LINKS UTILI
CHI SIAMO
CONDIZIONI
PRIVACY
CONTATTI

login
 
ALFA ROMEO
ASIA MOTORS
ASTON MARTIN
AUDI
AUSTIN
AUTOBIANCHI
BENTLEY
BMW
BMW-ALPINA
BUGATTI
 
login
 
APRILIA
DUCATI
GARELLI
GILERA
HONDA
HUSQVARNA
ITALJET
KAWASAKI
KTM
KYMCO
 

 


STORIA DELLA AUDI

 
AUDI: La storia fin dalle sue origini (1899-1910)

Tutto nasce dalla lingua latina. August Horch fonda la sua fabbrica d'automobili nel 1899 dopo aver lavorato alla Benz di Mannheim. Quattro anni dopo la Horch si trasferisce a Zwickau, nella bassa Sassonia.
Nel 1909 Horch viene allontanato dalla fabbrica che ha fondato in seguito a una controversia con il direttore commerciale che lo incolpa di non aver portato al successo nelle corse le nuove sei cilindri. Ma forse, sotto sotto, c'è dell'altro. Come spesso accade in questi casi ne nasce una vicenda giudiziaria, fin quando Horch non fonda la "August Horch" seguito da tecnici e operai della sua prima fabbrica. La disputa continua, e il costruttore viene costretto a cambiare il nome alle sue automobili. È un nipote che studia il latino che gli suggerisce: «dal momento che Horch nella nostra lingua significa "ascolta", trasforma Horch in Audi e nessuno avrà più nulla da dire».
Nascono così le Audi, i cui primi esemplari appaiono nel 1910. E le vetture di Horch cominciano a vincere, superando anche quelle della sua prima fabbrica.

I quattro anelli con un nuovo profilo (1966-1990)

Al Salone di Ginevra del 1966, nelle pagine del catalogo si legge: «marca tedesca resuscitata nel 1965 da Auto Union e che si rifà alla tradizione del 1939». Appare così Audi, peraltro al suo debutto già nell'autunno dell'anno precedente.
Un solo modello, progettato anni prima dalla Daimler-Benz, con motore di 1700 cc, 4 tempi, rapporto di compressione molto elevato di 11,2:1; cilindrata 1696 cc, 72 cv Din a 5000 giri, 13 kgm di coppia tra 2000 e 3500 giri; trazione anteriore, carrozzeria a due e quattro porte con cambio a quattro rapporti e freni anteriori a disco. Questa berlina è lunga 4,38 metri, larga 1,63, alta 1,46, passo 2,49. Peso a vuoto 980 chili. La velocità è di 148 km/h. Questa Audi è contraddistinta dalla sigla 72 PS.
Al Salone di Parigi dello stesso anno entrano in scena Audi 80 e la Super 90. La prima è praticamente la 72 PS, ma nuova è la sua versione station wagon chiamata Variant. La Super 90 è più lussuosa, con modifiche alla carrozzeria e motore di 1770 cc, compressione di 10,6:1, 90 cv a 5200 giri, 15 kgm a 3000 giri, velocità 163 km/h, da 0 a 100 in 12,5 secondi. Anche la Super 90 conserva la carrozzeria della prima Audi, con qualche perfezionamento e con i quattro anelli che campeggiano sul frontale.

I modelli via via aumentano. Arrivano le 60, le 75, le 100.
A Francoforte, nel 1969, Audi presenta la 100 coupé quattro posti con motore di 1871 cc, 115 cv a 5500 giri, 185 km/h di velocità, da 0 a 100 in 10 secondi. Successivamente la 60, la 75 e la Super 90 vengono tolte dalla produzione, mentre nel 1972 la 80 presenta una nuova carrozzeria. L'anno dopo è la volta della 80 GT.

Gli anni Settanta segnano un avvicendamento tra modelli nuovi e non: nel 1974 arriva la piccola Audi, la 50, che però non otterrà il successo previsto; nel 1976, la Coupé esce di produzione; nell'agosto del 1977 arriva la 100 Avant.

La svolta decisiva è datata 1980. Ferdinand Piëch, nipote del grandissimo Ferdinand Porsche, lascia la casa fondata dal nonno che ormai ha vinto quasi tutto quel che c'era da vincere, e passa ad Audi. Vulcanico come il nonno, al Salone di Ginevra presenta Audi quattro con l'obiettivo di partecipare al Mondiale rally del 1981.

Audi quattro deriva da Audi 80 coupé e genera attorno a sé un grande interesse. Le caratteristiche sono tante: motore a cinque cilindri di 2144 cc, iniezione Bosch K-Jetronic e turbocompressore, 200 cv a 5500 giri, coppia di 30 kgm a 3500 giri. Impressionanti anche le cifre di accelerazione: da 0 a 100 in 7,1 secondi su terreno asciutto e 7,5 sul bagnato. Ma è sulle quattro ruote motrici (da cui il nome stesso della vettura) che si concentra l'attenzione di tutti, anche se parecchi tecnici non nascondono il loro scetticismo a riguardo.

Una diffidenza che trova eco anche al Salone di Torino, dove il giornalista televisivo Gino Rancati, nel corso di un'intervista pone a Piëch una domanda relativa proprio alle numerose perplessità che in molti dimostrano rispetto alle quattro ruote motrici. Domanda alla quale, senza timori, Piëch secco risponde: «Se fra dieci anni ci saremo ancora, conteremo quante 4 per 4 saranno sul mercato».
Gli anni Ottanta su pista sono una sequenza di successi e vittorie. Come preventivato dallo stesso Piëch, Audi quattro esordisce nel Mondiale rally a Montecarlo nel 1981. La francese Michelle Mouton si ritira per problemi all'alimentazione, ma la squadra si affermerà nei successivi rally di Sanremo, di Svezia e nell'inglese RAC. L'anno seguente Audi conquista il mondiale marche e la Mouton è seconda nella classifica piloti. I successi continuano anche nei rally di altri paesi, compreso quello degli Stati Uniti. Nel 1983 Mikkola-Hertz sono primi nel Mondiale piloti, mentre Audi è seconda in quello marche. Audi Sport vince anche in tredici campionati nazionali. Poi la vittoria nel mondiale piloti e in quello marche (1984), mentre nel 1985 l'evoluzione della quattro (la S1) vince il Sanremo con Röhrl, e Mikkola-Hertz si affermano nel primo rally Hong Kong-Pechino.

Dopo i tragici incidenti in Portogallo, Corsica e Safari del 1986, Audi decide il ritiro dalle competizioni, lasciando ai privati la libera scelta della partecipazione. Del resto, ormai la Audi quattro ha ben dimostrato quanto fosse stato preveggente il progetto di Piëch, e quali fossero le potenzialità della trazione integrale. Ma quello di Audi non sarà un addio definitivo: gli anni 90, infatti, vedranno la partecipazione vittoriosa delle V8 quattro al Campionato Tedesco Vetture Turismo.

Fino ai nostri giorni (2000-2005)

"Una dimostrazione impressionante di forza e di controllo" è con queste parole, prese in prestito ad un giornalista sportivo, che si può riassumere la partecipazione di Audi alle 24 ore di Le Mans nel 2000. Posizionate ai primi tre posti sulla griglia di partenza, le Audi R8 volano verso la vittoria con un albo d'onore: pole position, giro veloce e tutte e tre le vetture in testa quasi sempre dall'inizio alla fine della corsa, grazie anche a tre piloti italiani: Michele Alboreto, Dindo Capello ed Emanuele Pirro. Nell'edizione della 24 ore di Le Mans del 2001, Audi dimostrerà ancora la sua superiorità guadagnando nuovamente la vittoria. Come dire: più che un traguardo, un trionfo!
Il modello che segna il nuovo millennio è Audi A2: compatta, agile e pratica, unisce con armonia linee tese e rotonde, sfruttando l'alluminio tanto per il telaio che per la carrozzeria.

Alle innovazioni di una vettura già in produzione, si affiancano quelle di due prototipi dalla progettazione futuristica: Steppenwolf, veicolo per il tempo libero che garantisce una guida piacevole sia su strada che nel fuoristrada grazie alla trasmissione quattro® e alle sospensioni adattabili; Rosemeyer (dal nome di un pilota della scuderia Auto Union degli anni Trenta), favolosa concept-car che può già essere considerata a pieno titolo la supercar Audi del ventunesimo secolo.

Nel 2001 Audi fa il suo ingresso nel club ristretto dei produttori di motori a dodici cilindri. Equipaggiando Audi A8 con W12, motore particolarmente compatto e potente, e grazie ai 420 cv per una cilindrata di 6 litri, Audi supera addirittura i suoi concorrenti, riuscendo ad offrire quanto di meglio è realizzabile in materia di automobili.

L'anno seguente, mentre la gamma si arricchisce della splendida Audi A4 Cabriolet che permette di gustare appieno la guida open air, e della nuova Audi A8 che diventa il punto di riferimento in materia di lusso e sportività, Audi R8 entra nella storia della 24 Ore di Le Mans, e con essa i piloti Pirro, Biela e Kristensen che vincono per la terza volta consecutiva. A coronare questo successo, che permette ad Audi di portare a Ingolstadt definitivamente il trofeo del vincitore, c'è anche la salita sul secondo e terzo gradino del podio, entrambi targati Audi.

Il costante orientamento alla ricerca e allo sviluppo, porta Audi all'elaborazione di nuovi, importanti progetti, come testimoniano la presentazione del prototipo crossover Pikes Peak al Salone di Detroit nel 2003, a cui fa seguito la splendida granturismo Nuvolari a Ginevra, e la concept car Le Mans quattro al Salone di Francoforte.

FONTE: www.audi-italia.com/storia




 

STORIA DELL'AUTO



auto occasioni
Cerca tra tutte le occasioni e le offerte la soluzione che più desideri!
km zero
Auto pari al nuovo ma ad un prezzo decisamente inferiori con sconti fino al 50%.
auto estere
Auto di importazione o modelli non presenti sul mercato italiano.
auto commerciali
Veicoli commerciali nuovi ed usati, per ogni esigenza di lavoro.

News mondo motori auto e moto
>MAGGIOLINO CABRIO....ANTEPRIMA MAGGIOLINO CABRIO....ANTEPRIMA
>NUOVA TOYOTA VERSO NUOVA TOYOTA VERSO

News auto e moto Puglia
GRANDE PUNTO ABARTH NEL 42° RALLY DEL SALENTO!!
Rally del Salento 2009